Come determinare il costo per unità

Comprendere il costo di ogni unità prodotta è essenziale per garantire che la tua attività rimanga redditizia. Per calcolare il costo per unità, sommare tutti i costi fissi e tutti i costi variabili insieme e quindi dividerlo per la quantità totale di unità prodotte durante quel periodo di tempo. Avendo una solida conoscenza di questi costi, puoi determinare più accuratamente i tuoi requisiti minimi di produzione, la quantità di markup che dovresti aggiungere a ciascuna unità e quali tipi di sconti sul volume puoi offrire ai tuoi maggiori clienti.

Mancia

Un costo unitario è la spesa totale spesa per produrre una singola unità di beni o servizi. Questo è determinato sommando i costi fissi con i costi variabili per la produzione o l'erogazione del servizio. Di solito è più semplice calcolare il costo della produzione totale per esecuzione o periodo di tempo e quindi dividere l'importo per il numero di unità prodotte.

Cos'è un costo fisso?

I costi fissi rappresentano spese che rimangono costanti indipendentemente dal numero di unità prodotte. L'affitto di un edificio, ad esempio, deve essere pagato indipendentemente dal fatto che si produca qualcosa o meno ed è quindi un costo fisso. Anche le tasse sugli immobili, le assicurazioni, i sistemi informatici e le altre spese amministrative possono essere considerati costi fissi, così come gli stipendi del personale d'ufficio non addetto alla produzione e le spese generali. Per calcolare il costo mensile degli acquisti di apparecchiature, dividere il costo dell'apparecchiatura per il ciclo di vita stimato.

Cos'è un costo variabile?

I costi variabili includono tutte le spese che aumentano o diminuiscono in proporzione al numero di unità prodotte. Esempi di questi costi normalmente includono i materiali che utilizzi per produrre i tuoi articoli, la manodopera impiegata in tali articoli e l'imballaggio. Se utilizzi furgoni a noleggio per la consegna degli articoli, anche questa spesa sarebbe un costo variabile. Un altro modo per considerare i costi variabili è se smettessi di produrre qualsiasi prodotto, non dovrebbero esserci costi variabili sul tuo foglio di calcolo.

Cosa succede se i costi non sono completamente fissi o variabili?

Alcuni costi non sono completamente fissi o variabili. Un esempio di questo è l'elettricità. Una parte della bolletta elettrica è solitamente una commissione di servizio con il costo dell'illuminazione e dell'alimentazione delle apparecchiature per ufficio. Tuttavia, un'altra parte della bolletta potrebbe essere direttamente correlata alla durata del funzionamento delle apparecchiature di produzione. Per assicurarti di ottenere un'immagine chiara del tuo costo per unità, suddividi i costi misti nelle loro componenti fisse e variabili.

Qual è la relazione tra volume e costo?

Le aziende con costi fissi elevati generalmente operano in modo diverso rispetto a quelle con costi variabili elevati. AccountingTools afferma che il costo per unità dovrebbe diminuire all'aumentare della produzione unitaria. Questo perché i costi fissi di produzione vengono distribuiti su più unità, il che significa anche che il costo per unità varierà in base a questi fattori.

Quando i costi fissi sono alti, hai bisogno di più volume per pareggiare, ma i tuoi profitti saranno maggiori se continui ad aumentare quel volume. Se la tua azienda si basa completamente sui costi variabili, a parte gli sconti che potresti ottenere dai fornitori, il tuo costo per unità sarà lo stesso sia che produci un'unità ogni mese o 10.000.

La formula del costo unitario per determinare il costo per unità è: (Costi fissi totali + Costi variabili totali) ÷ Unità totali prodotte

Ad esempio, XYZ Corp ha $ 10.000 in costi fissi e $ 5.000 in costi variabili per produrre 1.000 widget a gennaio. Il costo per unità sarebbe di $ 15 per unità: 10.000 +5.000 = 15.000 ÷ 1.000 = 15.

Guardando questo esempio di costo unitario in un altro modo, supponiamo che XYZ Corp produca 500 widget per febbraio, la metà del numero del mese precedente. Hanno ancora costi fissi di $ 10.000 e questa volta hanno $ 2.500 di costi variabili. Il costo sarebbe di $ 25 per unità: 10.000 + 2.500 = 12.500 ÷ 500 = 25. È possibile vedere come il volume ridotto ha ridotto i costi variabili, ma i costi fissi hanno aumentato il costo complessivo per unità alla seconda esecuzione.

Mancia

Investopedia identifica il costo unitario come punto di pareggio perché è il prezzo minimo di mercato che coprirà i costi di produzione. Se un bene va sul mercato e viene venduto, qualsiasi importo superiore al costo unitario sarà considerato profitto.