5 Fonti di potere nelle organizzazioni

Le organizzazioni sono costituite da individui che esercitano gradi di potere maggiori o minori. A volte, l'autorità deriva dal titolo di una persona nell'organizzazione o da conoscenze e competenze specialistiche. Altri possono esercitare il potere attraverso relazioni interpersonali o la forza della loro personalità. E altri ancora acquisiscono influenza grazie alla capacità di garantire l'accesso a risorse importanti.

Potere legittimo o di posizione

Il potere legittimo è noto anche come potere di posizione. Deriva dalla posizione che una persona occupa nella gerarchia di un'organizzazione. Le descrizioni delle mansioni, ad esempio, richiedono ai lavoratori junior di riferire ai manager e dare ai manager il potere di assegnare compiti ai loro junior.

Affinché il potere di posizione possa essere esercitato in modo efficace, si deve ritenere che la persona che lo esercita lo abbia guadagnato legittimamente. Un esempio di potere legittimo è quello detenuto dal CEO di un'azienda.

Potere esperto derivato dal possesso di conoscenza

Sapere è potere. Il potere degli esperti deriva dal possesso di conoscenze o competenze in una particolare area. Queste persone sono molto apprezzate dalle organizzazioni per le loro capacità di problem solving. Le persone che hanno poteri esperti svolgono compiti critici e sono quindi ritenute indispensabili.

Le opinioni, le idee e le decisioni delle persone dotate di poteri esperti sono tenute in grande considerazione da altri dipendenti e quindi influenzano notevolmente le loro azioni. Il possesso del potere di esperti è normalmente un trampolino di lancio verso altre fonti di potere come il potere legittimo. Ad esempio, una persona che detiene il potere di esperti può essere promossa alla dirigenza senior, conferendogli così un potere legittimo.

Potere di riferimento derivato dalle relazioni interpersonali

Il potere di referenza deriva dalle relazioni interpersonali che una persona coltiva con altre persone nell'organizzazione. Le persone hanno un potere di riferimento quando gli altri le rispettano e le apprezzano. Il potere referente nasce dal carisma, poiché la persona carismatica influenza gli altri attraverso l'ammirazione, il rispetto e la fiducia che gli altri hanno per lei.

Il potere di referenza deriva anche dalle connessioni personali che una persona ha con le persone chiave nella gerarchia dell'organizzazione, come il CEO. È la percezione delle relazioni personali che ha che genera il suo potere sugli altri.

Il potere coercitivo derivato dalla capacità di influenzare gli altri

Il potere coercitivo deriva dalla capacità di una persona di influenzare gli altri tramite minacce, punizioni o sanzioni. Un membro dello staff junior può lavorare fino a tardi per rispettare una scadenza per evitare azioni disciplinari da parte del suo capo. Il potere coercitivo è, quindi, la capacità di una persona di punire, licenziare o rimproverare un altro dipendente. Il potere coercitivo aiuta a controllare il comportamento dei dipendenti assicurando che aderiscano alle politiche e alle norme dell'organizzazione.

Ricompensa potere e capacità di influenzare l'allocazione degli incentivi

Il potere di ricompensa deriva dalla capacità di una persona di influenzare l'assegnazione di incentivi in ​​un'organizzazione. Questi incentivi includono aumenti di stipendio, valutazioni positive e promozioni. In un'organizzazione, le persone che esercitano il potere di ricompensa tendono a influenzare le azioni di altri dipendenti.

Il potere di ricompensa, se usato bene, motiva notevolmente i dipendenti. Ma se viene applicato attraverso il favoritismo, il potere di ricompensa può demoralizzare notevolmente i dipendenti e diminuire la loro produzione.