Che cos'è un'industria non di base?

Di base e non di base sono le due grandi categorie di settore. Le industrie di base sono costituite da piccole e grandi imprese che vendono principalmente a clienti esterni. Le industrie non di base sono costituite principalmente da piccole imprese che vendono a clienti locali, comprese le attività di base e non di base. Esempi di attività di base includono grandi aziende manifatturiere e minerarie, mentre attività non di base includono commensali, società di servizi, piccole società di consulenza e negozi di alimentari.

Significato

Secondo una descrizione della teoria della base economica pubblicata sul sito Web del Dipartimento di pianificazione urbana e regionale della Florida State University, le industrie di base sono fondamentali per lo sviluppo economico perché portano entrate da clienti esterni e supportano le attività non di base. La forza economica influenza l'occupazione, i bilanci pubblici, gli investimenti del settore privato e la pianificazione urbana. Ad esempio, una contea con solo industrie non di base rischia di subire gli effetti di una recessione economica, come la riduzione dell'occupazione e della popolazione.

Moltiplicatore

Il moltiplicatore di base, ovvero il rapporto tra l'occupazione totale e l'occupazione nell'industria di base, è un modo per stimare l'occupazione non di base e di base di una regione. Ad esempio, se uno stabilimento automobilistico - che vende la maggior parte della sua produzione al di fuori della contea ospitante - impiega 10.000 su un totale di 25.000 occupati, il moltiplicatore è 25.000 diviso per 10.000, o 2,5. In altre parole, ogni lavoro nell'industria di base supporta altri 1,5 lavori non di base, per 2,5 lavori. Per uno stabilimento automobilistico, questi lavori non di base possono essere presso concessionari di auto nuove e usate, carrozzerie e fornitori di ricambi. È probabile che le regioni con diverse attività del settore di base abbiano moltiplicatori elevati.

Analisi

I metodi di ipotesi e quoziente di localizzazione sono due modi comuni per analizzare l'occupazione di base e non di base di una regione. Il metodo ipotizzato presuppone che alcune industrie siano sempre di base, come il settore manifatturiero e del governo federale, e che tutte le altre industrie non siano di base. La tecnica del quoziente di posizione non fa tale ipotesi. Determina il livello di occupazione di base e non di base confrontando un'economia locale con un'economia di riferimento più ampia, come un'economia statale o nazionale. Il quoziente di localizzazione per ogni settore è il rapporto di due rapporti: il numeratore è il rapporto tra l'occupazione nell'industria locale e l'occupazione locale totale, e il denominatore è il rapporto tra l'occupazione nell'industria dell'economia di riferimento e l'occupazione totale. Un quoziente di posizione inferiore o uguale a 1.0 implica che l'occupazione nell'industria è interamente non di base, mentre qualsiasi numero maggiore di 1,0 implica un certo livello di occupazione nell'industria di base.

Proiezioni

Imprese e governi hanno bisogno di stime della crescita economica e delle tendenze demografiche per preparare i bilanci e pianificare gli investimenti di capitale. Ad esempio, una regione con industrie prevalentemente non di base potrebbe vedere residenti lasciare per cercare lavoro altrove. Al contrario, è probabile che una regione con una nuova operazione di estrazione di petrolio e gas subisca un boom demografico. Un metodo semplice per le proiezioni consiste nell'utilizzare l'approccio della proiezione della quota costante, che presuppone rapporti costanti per l'attività economica. Ad esempio, se l'attuale occupazione non di base nell'industria di una contea è il 5% dell'occupazione non di base dello stato, tale percentuale rimane costante nei prossimi cinque anni e più a lungo.