Quantità e ricavi in ​​pareggio

Il pareggio è il punto in cui una piccola impresa copre i propri costi. La quantità di pareggio si riferisce al numero di unità che una piccola impresa deve vendere per coprire tutti i costi, mentre le entrate di pareggio si riferiscono all'importo in dollari delle vendite che deve generare per coprire i propri costi. L'analisi del pareggio è uno strumento di contabilità di gestione interna che determina la relazione tra costo, volume e profitto.

Nozioni di base

I ricavi di pareggio sono i costi fissi divisi per il rapporto del margine di contribuzione, che è uguale al margine di contribuzione diviso per i ricavi totali. Il margine di contribuzione è pari alla differenza tra ricavi e costi variabili. I costi fissi comprendono l'affitto, l'assicurazione, gli stipendi amministrativi, le manutenzioni e le tasse sugli immobili. Una piccola impresa dovrebbe sostenere dei costi fissi anche se non ha entrate. I costi variabili includono i costi delle materie prime, i salari diretti del lavoro, le commissioni di vendita e altri costi direttamente correlati all'acquisizione o alla produzione dei prodotti di un'azienda. La quantità di pareggio è uguale alle entrate di pareggio diviso per il prezzo medio di vendita per unità. Inoltre è uguale al totale dei costi fissi diviso per la differenza tra il prezzo medio di vendita per unità ei costi variabili medi per unità.

Incorporare i profitti

Il pareggio di solito non è sufficiente per i proprietari di piccole imprese, il che significa aggiungere profitto alle equazioni di pareggio. Il reddito di pareggio corretto, che include le aspettative di profitto dei proprietari, è uguale alla somma dei costi fissi e dei profitti attesi divisa per il rapporto del margine di contribuzione. La quantità corrispondente è il ricavo di pareggio rettificato diviso per il prezzo di vendita per unità. Una piccola impresa potrebbe anche ottenere profitti aumentando i prezzi, supponendo che il mercato possa sostenere prezzi più elevati.

Significato

I proprietari di piccole imprese possono utilizzare i numeri di pareggio per vedere come le variazioni dei costi possono influire sui profitti. Ad esempio, se i costi delle materie prime aumentano a causa della carenza di offerta o dei picchi della domanda, i costi variabili aumenteranno e il margine di contribuzione diminuirà. Supponendo che i costi fissi e le entrate totali rimangano invariate, anche il rapporto del margine di contribuzione diminuirà, il che significa che aumenteranno sia i ricavi di pareggio che la quantità. In altre parole, l'azienda deve vendere più unità per coprire i costi. La direzione potrebbe valutare la possibilità di modificare il mix di prodotti o di adeguare i prezzi di vendita per compensare le variazioni dei costi.

Esempio

Se una piccola impresa vende 100.000 unità per un fatturato annuo totale di 1 milione di dollari, il suo prezzo di vendita unitario è di 10 dollari (1 milione di dollari diviso 100.000). Se i costi variabili ammontano a $ 350.000, i costi variabili sono $ 3,50 per unità ($ 350.000 diviso per 100.000), il margine di contribuzione totale è $ 650.000 ($ 1 milione meno $ 350.000), il margine di contribuzione unitario è $ 6,50 ($ 650.000 diviso per 100.000) e il rapporto del margine di contribuzione è 0,65 ($ 650.000 diviso per $ 1 milione). Se i costi fissi annuali sono di $ 250.000, il ricavo di pareggio è di circa $ 384.615 ($ 250.000 diviso per 0,65) e la quantità di pareggio è di circa 38.462 unità ($ 384.615 diviso per $ 10). Se il proprietario di una piccola impresa richiede un profitto del 10 percento sulle entrate, o $ 100.000 (0,10 moltiplicato per $ 1 milione), le entrate di pareggio rettificate per raggiungere quel livello di profitto sono di circa $ 538.462 [($ 250,000 più $ 100.000) diviso per 0,65], che corrisponde a circa 53.846 unità ($ 538.462 diviso $ 10).