La responsabilità di pubblicare foto su Facebook senza autorizzazione

Dal lancio di Facebook, gli utenti hanno caricato più di 219 miliardi di foto. Molte di queste erano foto personali di una vacanza, una festa di famiglia o immagini di animali domestici. Ma molte persone hanno anche caricato foto di eventi pubblici, foto delle loro celebrità preferite e altre foto varie che hanno trovato sul web. Sebbene sia una pratica comune condividere le immagini, potresti essere civilmente o penalmente responsabile per la pubblicazione di determinati tipi di foto.

Violazione del copyright

Se pubblichi una foto che non hai scattato, potresti violare il copyright di qualcuno.

I Termini di servizio di Facebook affermano: "Non pubblicherai contenuti o intraprenderai alcuna azione su Facebook che infranga o violi i diritti di qualcun altro o in altro modo violi la legge. Possiamo rimuovere qualsiasi contenuto o informazione che pubblichi su Facebook se riteniamo che violi questo Dichiarazione o le nostre politiche. Se violate ripetutamente i diritti di proprietà intellettuale di altre persone, disabiliteremo il vostro account quando appropriato. "

È probabile che un detentore del copyright non faccia causa per una foto caricata sul tuo account, ma ha il diritto di difendere la propria licenza, incluso il portarti in tribunale e chiedere danni monetari.

Foto di un evento pubblico

Se pubblichi immagini di un concerto, di una fiera, di un flash mob o di qualsiasi riunione pubblica, puoi pubblicare quelle foto senza il permesso specifico delle persone che hai catturato sulla fotocamera. Ci sono alcune ovvie eccezioni. Non puoi pubblicare foto scattate quando c'era un'aspettativa di privacy come un bagno pubblico, un'aula di tribunale o un ospedale.

Foto potenzialmente dannose

Prima di caricare foto su Facebook, anche quelle di familiari e amici, pensa alle conseguenze delle tue azioni. Ad esempio, le foto dei tuoi colleghi che si ubriacano a una festa aziendale potrebbero danneggiare la loro reputazione e persino farli licenziare. Una foto del tuo amico che dipinge graffiti con lo spray può sembrare bella ma in realtà è la prova di un crimine.

Nel 2009, un tecnico medico di emergenza è stato licenziato per aver pubblicato una foto di una vittima di omicidio sul suo Facebook. La famiglia ha fatto causa a Facebook per ottenere la rimozione delle foto dal sito anche dopo che il profilo incriminato è stato cancellato.

Per quanto riguarda gli affari, il proprietario della licenza Humphrey Bogart ha citato in giudizio il rivenditore Burberry per aver pubblicato una foto di Bogart sulla loro pagina Facebook. Il titolare della licenza sostiene che la foto viola i diritti di marchio e pubblicità.

Quando i bambini sono coinvolti

Pensaci due volte prima di caricare le foto dei bambini, anche le tue. Due stati, Georgia e New Jersey, stanno lavorando a leggi che rendono illegale per chiunque non sia un genitore fotografare un minore.

Inoltre, i siti online devono rispettare il Children's Online Privacy Protection Act del 1998, che ha regole riguardanti la pubblicazione di informazioni di identificazione tra cui la scuola, la città o il nome completo di un bambino. Sebbene questa legge non si applichi agli individui, Facebook potrebbe rimuovere le foto che violano la regola su richiesta di un genitore.

Pensa prima di pubblicare

Grazie allo smartphone e ad app come Instagram, ogni giorno vengono caricate migliaia di foto su Facebook. Alcune persone caricano dozzine di foto a settimana, catturando anche gli eventi più banali da condividere con familiari e amici.

Anche le foto caricate come private possono essere condivise con altri. Hai il dovere di rispettare chi ti circonda non caricando foto che non appartengono a un forum pubblico.